Una delle giornate più importanti da dedicare allo shopping sta per tornare: venerdì 29 novembre ci sarà il Black Friday! Il Black Friday, o venerdì nero, è ormai da anni consolidato come il giorno più forte, commercialmente parlando, in fatto di acquisti e shopping. Sconti elevanti, centinaia di brand partecipanti, online e non, offerte super vantaggiose, tutti si dedicano agli acquisti in questa folle giornata di shopping andando a caccia di affari.

Se si ha quindi un matrimonio in vista, perché non approfittare nel venerdì nero per usufruire di vantaggiosi sconti? Scopriamo insieme una vera e propria guida agli acquisti di nozze con il Black Friday.

ABITI E DECORAZIONI

ABITO DA INVITATA/O: Se non è il tuo matrimonio, ma necessiti comunque di un abito per una cerimonia imminente, il Black Friday è l’occasione giusta per acquistare un abito! Dai brand di lusso, ai net a porter fino ad arrivare a colossi del fast fashion come Zara, potrai scovare l’abito dei tuoi sogni online, inserirlo già nella tua wishlist, ed essere prontissima (o prontissimo) all’acquisto appena scatta il via alle promozioni. Alcuni brand applicano sconti fino al 70%, così potrai portare a casa l’intero look ad una modica cifra!

BOMBONIERE E DECORAZIONI: anche se il vostro matrimonio sarà tra un anno, alcuni degli elementi principali, come bomboniere, decorazioni, allestimenti ecc. possono essere comprati con largo anticipo senza rischio che si deteriorino. Amazon, marketplace numero uno al mondo, da sempre offre numerosi spunti, idee, ed oggetti destinati al wedding davvero unici. Nei giorni destinati al Black Friday, Amazon è uno dei principali canali di shopping online presi d’assedio dagli utenti per fare caccia a veri e propri affari. Se si è davvero bravi, si può anche riuscire a far rientrare in un piccolo budget sia bomboniere sia decorazioni per gli allestimenti.

IDEE REGALI

TRATTAMENTI BEAUTY: Si sa che un altro costo che diventa oneroso da affrontare durante le nozze è quello relativo ai trattamenti beauty. Tra costo di trucco e acconciatura sposa, trattamenti viso, corpo ecc. il tutto ammonta ad un cifra non certo esigua. Invece di optare per il fai da te, durante il Black Friday, una soluzione ottimale per potersi concedere tutte le coccole beauty senza fare rinuncia causa costi elevati, può essere acquistare dei pacchetti su Groupon. Groupon, che già regolarmente regala meravigliose offerte, diventa il portale ideale per fare gli acquisti legati all’estetica utili per le vostre nozze.

REGALI: passiamo infine ai regali. Cruccio e danno per chi è invitato ai matrimoni, sia per la difficoltà di scegliere quello perfetto, sia per il costo esoso. I regali più graditi, generalmente, sono i regali tech: smart tv, Google Assistant, impianti audio ecc. Se si vuole stupire la coppia di sposi con un regalo super gradito, dall’importante costo di mercato, allora il Black Friday è davvero l’occasione giusta per scegliere ed acquistare i vostri regali da invitati a nozze.

Insomma, il modo giusto per limare i costi del vostro matrimonio o invito a nozze, è fare i vostri acquisti di nozze con il Black Friday!

Alcune coppie di futuri sposi amano progettare il grande giorno con largo anticipo, creando dei veri e propri calendari annuali durante i quali organizzare e definire tutto fino al minimo dettaglio senza lasciare nulla al caso. Altre invece, preferiscono lasciarsi prendere dall’emozione e raggiungere subito il traguardo delle nozze in breve tempo, che vada dai 3 ai 6 mesi.

Ma come organizzare un matrimonio in 3 mesi? Contrariamente a quanto si pensi, se si hanno le idee chiare e la giusta motivazione si raggiunge facilmente l’obiettivo senza intoppi. Scopriamo insieme quindi quali sono i giusti consigli e segreti per organizzare un perfetto matrimonio in 3 mesi.

DATA E LOCATION

DATA E PRATICHE BUROCRATICHE: la prima cosa da fare è chiaramente quella di fissare la data delle nozze. Un consiglio: un’ottima soluzione per sposarsi in tempi brevi riuscendo a organizzare tutto per bene, è scegliere una data (o meglio un mese) non gettonatissimo per le nozze, evitando così affluenza di location, catering, ecc. Non appena l’avrete definita, si passa subito alla risoluzione di tutte le pratiche burocratiche, dal rito civile a quello religioso. Probabilmente il disbrigo delle pratiche burocratiche sarà il punto più noioso da risolvere dati i tempi stretti, il resto sarà poi tutto in discesa.

LOCATION: come anticipato, scegliere un mese non propriamente celebre per i matrimoni (ad esempio ottobre, gennaio o marzo) vi aiuterà tantissimo nella ricerca della location del cuore, che sicuramente sarà più disponibile in periodi meno affollati ed anche più economica. Altra soluzione ideale, qualora disponiate di un grande giardino o di una villa di famiglia, è organizzare la cerimonia in casa grazie all’ausilio di un catering raffinato ed elegante. Oltre a risolvervi problemi logistici e di tempo, il catering in esterna, in un’ambiente familiare, è un’idea dal sapore boho chic che conquisterà tutti i vostri ospiti.

COORDINAMENTO ATTIVITA’

ABITI: un ulteriore punto cruciale nell’organizzazione delle nozze è sicuramente la scelta degli abiti, sia per lo sposo sia (anzi soprattutto) per la sposa. In questo caso bisogna agire di cuore e d’astuzia. Se avete già in mente un modello che vi piace, non perdete tempo alla ricerca di nuovi modelli, puntate piuttosto a quello che vi valorizza di più, evitando tante inutili e lunghissime prove. Inoltre, proprio per restare nei tempi ed evitare rischi di ritardo, è bene che l’abito venga acquistato già confezionato (al quale andranno fatte solo poche modifiche) e non che venga cucito su misura, evitando così spiacevoli sorprese.

COORDINAMENTO DELLE ATTIVITA’: dalla scelta delle bomboniere, alle decorazioni, alla lista invitati, nozze ecc. sebbene possano sembrare delle attività piccole e gestibili, in realtà vi portano via molto tempo. Per questo è necessario, soprattutto con i tempi strettissimi, affidarsi ad un unico fornitore che possa aiutarvi nella realizzazione del tutto in modo ordinato e preciso. La figura del wedding planner è infatti ideale per coordinare tutte le attività che si affolleranno, gestire le vostre ansie e preoccupazione e soprattutto riuscire nell’obiettivo di regalarvi una giornata indimenticabile.

Insomma con i giusti consigli ed i giusti partner, organizzare un perfetto matrimonio in 3 mesi è possibile.

Il 31 ottobre è quasi alle porte e si avvicina la festa di halloween. Importata direttamente dai paesi anglosassoni, halloween è diventata ormai una celebrazione integrata a pieno anche nella cultura italiana. Amata dagli adulti, e ancora di più dai bambini, organizzare una festa di halloween può essere facile e divertente con i giusti accorgimenti.

Scopriamo insieme quindi come organizzare una festa di halloween per bambini.

COSTUMI: Per ogni festa in maschera che si rispetti, il primo aspetto fondamentale sono i costumi. Via allora ai travestimenti più divertenti e terrificanti come zucche, pipistrelli, streghe e fantasmi. Ancora più divertente sarà realizzarli in modo fai da te con i vostri piccoli, basteranno un vecchio lenzuolo, del trucco scuro, ago e forbici ed il gioco è fatto.

DECORAZIONI: passiamo ora alle decorazioni. Ovviamente i colori predominanti dovranno essere il nero, l’arancio ed il viola e per decorare casa ci si potrà davvero sbizzarrire. Dalle zucche intagliate, da utilizzare anche come lanterne fuoriporta, a finte ragnatele, pipistrelli in gomma e candele da mettere in tutta casa. Trattandosi di una festa per bambini, ovviamente non dovranno mancare palloncini e gadget a tema, come piccoli scheletri o i secchielli carichi di dolci.

CIBI SFIZIOSI: passiamo infine al lato più dolce e creativo! I dolcetti di halloween sono il reale motivo per cui o bambini aspettano con ansia questa festa. Oltre a tenere ni casa dunque scorte di caramelle, cioccolatini e dolciumi vari, si possono preparare anche insieme ai più piccoli. Dai biscotti in pasta di zucchero che riproducono simpatiche zucchette e spaventosi teschi, ai dolci alla zucca, fino ai topini al cioccolato. Per gli amanti del salato invece, ecco che si possono preparare i grissini a forma di ossa o i rustici a forma di dita di zombie.

Insomma, in poche mosse ecco come organizzare una festa di halloween per bambini.

Parte la stagione autunnale e riparte anche la stagione dei brunch. Importato direttamente dagli USA, il brunch è quel pasto che si colloca tra la colazione, l’aperitivo ed il pranzo (fascia oraria 10.00-13.00), che è ormai parte integrante anche della tradizione italiana. Il brunch sta diventando inoltre sempre più occasione di socializzazione e di eventi mondani e cool, a cui partecipare con estremo piacere.

Ma come si organizza il brunch perfetto? Scopriamo insieme gli elementi fondamentali che compongono un brunch chic ed elegante da vivere con parenti ed amici.

Cibi essenziali: non si può definire un vero brunch se non sono presenti alcuni dei cibi, da colazione e non, che compongono le tavole americane. Ecco quindi che per un brunch perfetto non devono mancare: pancakes, con tanto di sciroppo d’acero, cheesecake e brownies o in alternativa gli amatissimi cookies. Passando al salato invece, si va dai french toast a gustose insalate, senza dimenticare il classico e gustoso piatto di uova e bacon. Tra i cibi italiani possono esserci sicuramente mini sformati di pasta, tortini al cioccolato e crudités.

Drink e bevande: passiamo ora al beverage. Trovandoci in una fascia oraria di transizione, la scelta delle bevande è davvero ampia. Si passa dal caffellatte, alle spremute, ai succhi e alle centrifughe. Volendo puntare a qualcosa di più strong ma non troppo, immancabili sono anche soft drink come campari, bitter, aperol spritz o leggeri spumanti. Insomma ce n’è per tutti i gusti!

Mise en place: una delle caratteristiche principali di un brunch è la sua perfetta mise en place. Tovagliati coordinati, centrotavola ricercati come candelabri o cesti di fiori freschi e servizi di piatti in preziose porcellane. Tutto dovrà essere curato nel dettaglio, chic, elegante ma non eccessivamente formale (d’altronde come l’outfit ideale da brunch).

Insomma, non resta che mixare questi ingredienti e organizzare il brunch perfetto.

Si sa che non deve esserci necessariamente un’occasione speciale per fare festa. Ogni occasione può essere infatti ideale per riunire parenti e amici. Gli ingredienti necessari per farlo? Cibo stuzzicante, ottimi drink e buona musica, insomma il necessario per un cocktail party!

Se non esiste un momento ideale per l’happy hour, esiste però un orario che è chiaramente quello pomeridiano, per dilungarsi poi in alcuni casi tutta la serata. Scopriamo insieme quali sono quindi tutti gli elementi fondamentali per organizzare un perfetto cocktail party.

ORARIO E LOCATION: Come anticipato, l’orario perfetto per organizzare un aperitivo è tra le ore 18 e le 20. Oltre questo orario si trasforma in un party serale, dove location, catering e beverage sono completamente diversi, certamente più strong. Per la scelta della location invece, non bisogna andare poi così lontano. Se le giornate permettono anche il giardino di casa può essere perfetto, in alternativa il proprio soggiorno (spazio permettendo!) è l’ideale. Intimo e familiare.

FOOD E BEVERAGE: I cocktail party sono chiaramente celebri per la selezione di finger food ed appetizer ricercati e gustosi e per i drink leggere ma dal gusto intenso. Anche in questo caso la scelta può essere varia: si può spaziare dalla classica stuzzicheria, arachidi, noccioline e focacce a quella bio e dal gusto esotico come cous cous e tartare di verdure. E per i drink? Aperol Spritz, Bellini e soft drink analcolici non possono certamente mancare.

DECORAZIONI E MISE EN PLACE: I cocktail party sono l’occasione ideale per socializzare, quindi via tavoli padronali, si a piccoli tavolini da bar che fungono solo da appoggio per drink e piccole pietanze. Anche la mise en place dovrà essere minimal ma perseguire comunque un tema bel preciso e riconoscibile, dallo stile metropolitano a quello natural chic.

 

Insomma basta mixare davvero semplici ingredienti per realizzare il perfetto cocktail party.

Quante donne non sognano per il giorno delle loro nozze una sorpresa romantica e speciale dal futuro marito? Di certo, tra le più romantiche e tradizionali, c’è sicuramente la serenata di nozze.

Quest’antica tradizione conta radici storiche che risalgono al periodo medievale, quando i cavalieri si recavano sotto il balcone dell’amata dama a decantare il proprio amore. Oggi invece la serenata pre matrimoniale è una delle sorprese nuziali, fatte dallo sposo alla sposa, più diffuse nel sud Italia ed in particolare in Campania.

Questa tradizione consiste in una serenata serale che lo sposo organizza sotto casa della sposa la notte prima delle nozze. Accompagnato da un musicista, che canterà delle romantiche canzoni o semplicemente accompagnerà la voce del futuro marito con la chitarra, sarà presentato un piccolo repertorio di brani che lega la coppia. La tradizione vuole inoltre che la sposa ascolti il tutto dalla finestra o dal balcone di casa, fin quando non sarà lo sposo stesso ad intimarla di scendere per godersi questo romantico momento insieme.

Come organizzarla?

Dato che non è sempre semplice organizzare una serenata di nozze, molto spesso lo sposo è aiutato nei preparativi da parenti e amici per organizzare un perfetto piano logistico. Dalla locazione degli strumenti in strada, all’aggiunta di elementi scenici come fiori o fuochi d’artificio per rendere tutto perfetto. Si può inoltre organizzazione un vero e proprio buffet che sarà servito in strada ai curiosi che accorreranno. Bisogna inoltre ricordare nell’organizzazione, di avvisare sempre i vicini così da non farli trovare impreparati ad improvvisi suoni e musiche festanti. Sempre di buon auspicio, è considerato anche il lancio di una rosa da parte della sposa. La futura moglie infatti ringrazierà così il suo sposo. 

Insomma, la serenata di nozze è davvero una tradizione amatissima da tutti ancora adesso. L’ultimo dei gesti romantici ancora in uso in circolazione.

Uno dei momenti tradizionali legati alle nozze è sicuramente quello del lancio del bouquet da sposa. Come convenzionalmente riconosciuta, questa tradizione è strutturata su un rituale bene preciso: ad un certo puto della cerimonia, la sposa fa posizionare in una sorta si semicerchio tutte le invitate ancora nubili e lancia, sopra le sue spalle, il bouquet che verrà aggiudicato dall’invitata con la presa migliore.

Ma in cosa consiste davvero la tradizione del lancio del bouquet? Scopriamolo insieme! 

USANZE E TRADIZIONI 

Da sempre il bouquet della sposa è il richiamo ad una simbologia arcaica, dove le spose il giorno delle nozze erano adornate con fiori in simbolo di purezza e fecondità. Sempre da tradizione, il bouquet di fiori spetterebbe al futuro sposo. Quest’ultimo dovrebbe infatti farlo recapitare, tramite parenti, alla futura sposa come ultimo regalo di fidanzamento e suggello di una nuova vita insieme. Il bouquet inoltre dovrebbe essere composto da fiori rigorosamente bianchi (anche se ad oggi non è più necessariamente così) simbolo di purezza. Dopo la cerimonia quindi, quasi a fine serata, la sposa potrà procedere con il lancio e l’invitata che si aggiudicherà il tanto abito bouquet sarà la prima a sposarsi. E se il bouquet cade a terra? Nessuna paura, nessuna amica o parente si sposerà a breve ma ci saranno più bebè per la coppia di novelli sposi (o almeno coì dice la tradizione!)

Se si preferisce conservare il proprio bouquet per ricordo, si può anche optare per uno, meno prezioso, che sia stato creato appositamente per l’occasione.

In alternativa, si possono far creare tanti piccoli mazzettini da consegnare a tutte le invitare nubili come buon auspicio.

 

Insomma, come sempre le usanze vanno rispettate e il lancio del bouquet da sposa resta una tradizione imprescindibile alle nozze!

Tra le tradizioni più consolidate nell’ambito del wedding, c’è sicuramente quella del lancio del riso all’uscita della chiesa. Al termine della cerimonia infatti, gli ospiti attendono l’uscita dei novelli sposi dalla chiesa con piccole manciate di riso da lanciare loro come buon augurio. Ma cosa significa davvero questo gesto e da dove deriva questa simpatica tradizione?

Scopriamo insieme tutto quello che c’è da sapere sul lancio del riso!

Da sempre, nella tradizione orientale, il riso è simbolo di ricchezza, prosperità e buona salute e per questo si lancia agli sposi che mettono piede fuori dalla chiesa come augurio di una vita prospera. Secondo altre fonti invece, tale tradizione sarebbe da additare anche agli antichi romani che lanciavano ai novelli sposi chicchi di grano, poi sostituiti con il riso molto meno costoso. Altro aspetto assolutamente da non sottovalutare è la tipologia di riso che viene scelta, ad ognuna infatti corrisponde un preciso significato:

BASMATI: l’augurio con questa tipologia di riso è di un amore ricco di passione e sensualità;

CARNAROLI: per l’augurio di un amore ricco di complicità, comprensione e condivisione;

ROMA: i suoi chicchi grandi sono l’augurio di una vita prospera;

INTEGRALE: grazie ai sui ingredienti genuini, è il simbolo di un amore autentico e sincero.

ARBORIO: per l’augurio di una vita ricolma d’amore.

NUOVE TRADIZIONI

Negli ultimi anni, come in diversi aspetti del matrimonio, anche la tradizione del lancio del riso viene spesso soppiantata da nuove attività ed idee. Dai coriandoli, che vengono sparati da festanti tubi, alle bolle di sapone che ricreano un’atmosfera magica fino al lancio di petali di fiori o germogli di fiori, che potranno fiorire altrove grazie al trasporto del vento.

 

Insomma che sia il lancio del riso o di altri piccoli elementi, l’augurio principale resta sempre quello di una vita felice e prospera.

Durante un ricevimento nuziale, uno dei momenti più ricchi di commozione e patos, subito dopo la funzione, è quello del brindisi. Che sia un parente, un amico o in generale una persona cara, che ci sia qualcuno a pronunciare parole ricche d’affetto e d’amore per la giovane coppia è sempre un momento toccante.

Ma molti si chiedono: da dove nasce questa usanza? A chi spetta realmente il compito del brindisi, e quali sono le regole da seguire per non sfigurare?

Scopriamo quindi insieme quali sono tutti i segreti ed i consigli per un perfetto brindisi nuziale.

ORIGINI E TRADIZIONI

Il brindisi nuziale è una tradizione di origine anglosassone. Generalmente lo sposo o il suo testimone si rivolgono ai commensali presenti per ringraziarli e augurare serenità e prosperità alla coppia felice. Negli ultimi anni, tale tradizione ha preso fortemente piede anche in Italia. L’onore spetta quasi sempre al testimone o, in alternativa, al padre (sempre dello sposo) o allo sposo stesso. Difficilmente viene fatto da amiche o partenti della sposa ma, essendo questa una tradizione del tutto nuova in Italia, non c’è una vera e propria regola scritta che lo vieti.

Stabiliti il chi, tocca capire bene cosa dire. In base al soggetto, ovviamente le parole che saranno pronunciate saranno diverse. Nel caso del testimone, se molto vicino ed intimo della coppia, potrà anche raccontare qualche aneddoto divertente su come gli sposi si siano conosciuti o raccontare di momenti felici insieme, augurandogli ogni bene. Per il padre invece, sarà chiaramente un augurio di amore e prosperità eterna, mentre per lo sposo il discorso dovrà essere duplice. In primo luogo infatti dovrà rivolgersi a tutte le persone presenti ringraziandole per la loro partecipazione ad un momento così importante per la coppia, in secondo luogo dovrà poi rivolgersi alla propria sposa con parole di amore, rispetto e fiducia.

GALATEO DEL BRINDISI

Resta ancora però da capire quale sia il momento ideale per proferire il brindisi. Anche in questo caso non esiste una regola scritta, ma di certo esistono dei momenti più propizi rispetto ad altri dove poter catturare l’attenzione di tutti e far partire il discorso. Fra questi ci sono il momento in cui ci si accomoda ai tavoli, prima quindi del banchetto nuziale dove l’attenzione è ancora vivida, oppure in alternativa il momento dei saluti finali prima o dopo il taglio della torta come chiusura emotiva perfetta della giornata.

Se vero è che non ci sono regole scritte, tuttavia anche per il brindisi nuziale ci sono alcune piccole regole del Galateo che vanno rispettate per buon guasto. Ecco quindi 6 immancabili tips che non possono essere dimenticate durante il momento del brindisi:

  1. I bicchieri mai pieni fino all’orlo (non sta bene!)
  2. Mai pronunciare CIN CIN a fine discorso, definito poco elegante
  3. Il discorso dovrà essere brillante e commovente allo stesso tempo, ma senza eccedere troppo in un o nell’altro senso
  4. Non dovrà essere troppo lungo: 5 minuti saranno più che sufficienti per riuscire a dire tutto
  5. Non improvvisare: dovrà sicuramente essere un discorso che nasce dal cuore, ma l’improvvisazione non è adatta ad un momento tanto importante come questo
  6. Bisogna avere il giusto atteggiamento aperto e propositivo verso gli ascoltatori

Insomma bastano pochi consigli per realizzare il perfetto brindisi nuziale e lasciare tutti senza parole.

L’estate è la stagione del divertimento, del relax, ma soprattutto dei party in piscina! Colorati, divertenti e gioiosi, le feste in piscina sono la soluzione ideale sia per eventi informali, come compleanni o rimpatriata tra amici, sia per eventi più radical chic come cocktail party a tema o feste aziendali. Sia nell’uno che nell’altro caso, ci sono alcuni accorgimenti, must have e regole organizzative da rispettare necessariamente per il corretto funzionamento della festa in piscina e rendere tutto perfetto.

Scopriamo quindi insieme quali sono i segreti per organizzare un party in piscina di tutto rispetto.

LOCATION, MUSIC E DRINK

INVITATI E LOCATION: Per organizzare una festa in piscina, non è detto che la location debba necessariamente essere casa tua. In base alla tipologia di evento infatti, e soprattutto al numero di invitati, potrai scegliere la location più adatta con piscina più o meno grande dove poter organizzare il tutto. Se si tratta di un numero superiore ai 40 invitati, è bene scegliere quindi una location all’aperto, spaziosa, magari con piscina interrata al bordo della quale poter organizzare cocktail di benvenuto, aperitivo e perché no anche la cena se la tipologia di festa lo richiede.

DRESS CODE: Nel caso di un pool party, non esiste un dress code univoco. Tutto dipende infatti dalla tipologia di festa che si vuole organizzare, dall’orario del paty stesso e dalla tipologia di invitati. Se si tratta ad esempio di una festa di giorno tra amici, ovviamente si starà in costume, mentre per il tardo pomeriggio, calato il sole, si può restare comunque a bordo piscina con un fuori acqua. Nel caso di feste pomeridiane invece, si opta per un abito da cocktail bianco, molto gettonati sono i white party, o nei colori pastello (siamo pur sempre in estate!). Infine, una festa in piscina, può essere anche la location per una party estremamente elegante dove sarà richiesto abito lungo per lei e completo per lui!

MUSIC & DRINK: Quando si pensa ad un pool party, la prima associazione che viene da fare è chiaramente con la musica e la scelta del beverage. In entrambi i casi si può davvero spaziare con la scelta. Si può passare infatti dall’organizzazione di un vero e proprio dj set, ad un piano bar nel caso ci si voglia divertire senza però mettere la musica a palla (ideale soprattutto nel caso di cene a bordo piscina) fino a musica lounge soft con sassofonisti e chitarristi per accompagnare l’orario dell’aperitivo. Per il beverage invece di certo non può mancare una postazione bar, con tanto di bartender che prepara gustosi cocktail, magari proprio a tema. A seconda della fascia oraria inoltre si potranno servire diverse tipologie di drink e bevande, da freschi mix analcolici la mattina ad Aperol Spritz pomeridiani, fino ad arrivare a diverse selezioni di vino.

ACCESSORI E GADGET

FOOD: Nel caso di feste all’aperto, in generale, la soluzione ideale per il pranzo/cena è sempre quella a buffet. Pratica e consona alla disposizione di spazio e alla tipologia di festa, il buffet potrà circondare un’area piscina dove gli ospiti potranno servirsi autonomamente. Nel caso di feste in casa, puoi optare per tutti piatti freddi e leggere come insalate di pasta, insalata caprese, gustosi mix di verdura cruda e infine servire diversi tipi di semifreddi. Nel caso invece di cocktail party, dove tutto diventa più elegante e chic, si può scegliere per una versione buffet con mini finger food serviti da un servizio catering.

ACCESSORI E GADGET: Che festa in piscina sarebbe senza i giusti accessori e gadget? In questo caso ci si può davvero sbizzarrire! Dai maxi gonfiabili, dove ormai da diversi anni fenicotteri, unicorni e ananas ne fanno da padrone, all’angolo Photo booth dove poter scattare divertentissime foto fino ad arrivare all’utilizzo di pistole ad acqua o palloncini per iniziare una gara di gavettoni.

Tanto divertimento, ma anche tanto stile ed eleganza possono caratterizzare il tuo perfetto party in piscina se organizzato nei minimi dettagli.